Hanno sfilato come autentici campioni i quattrozampe che si sono dati appuntamento domenica alla 12esima  edizione di “Zampine Amiche” organizzata dall’associazione “Diamoci La Zampa” all’interno dell’iniziativa “Pet-Schiera Party” del Comune di Peschiera Borromeo.

Cani in passerella a Peschiera

Piccoli o giganti, coloratissimi o in “bianco e nero”, adottati, acquistati o trovati per strada, tutti però con un denominatore comune: sono loro i “padroni di casa” e ricambiano coccole e attenzioni con un’incredibile dose d’affetto e dedizione. Fino al punto di accettare, per una volta, di far contenti i “bipedi” e sfilare in una gara dove pedigree, eleganza e acconciatura non contavano.

Contava, infatti, solo la simpatia. E così, tra i vincitori, ci sono stati Coffe, della famiglia Bassotti nella categoria cuccioli; la piccola Sally, della famiglia Gazzaniga, nella categoria dei “Mini”; Scarabeo, della famiglia Campregher, nella categoria “pesi medi”; Jack e Vicky, entrambi adottati dalla famiglia Cirlingione dopo aver vissuto storie difficili (Jack è stato sequestrato dai Carabinieri, Vicky ha vissuto 5 anni in canile), nella categoria “taglie forti”. Molti sono stati i “vincitori”. Rudel, gigante buono, nella categoria “ritardatari” accompagnato dalla famiglia Pierin; Macchia (nome che gli viene dalle tante macchie nere su pelo bianco), di Stefano Paglia, come più simpatico adottato da “Diamoci La Zampa” (categoria nella quale concorrono i quattrozampe che hanno trovato rifugio presso l’associazione e successivamente sono stati adottati). Macchia ha fatto superare alla padrona il terrore dei cani grazie a un percorso fatto insieme ai volontari competenti di Diamoci La Zampa; Tiago e Zoe, da 14 anni accompagnatori del loro compagno umano Maurizio Beghi, hanno avuto il “Premio Fedeltà”.

Applausi e sorrisi

Nel corso delle prove semiserie applausi e sorrisi hanno accompagnato le esibizioni dei cani più simpatici. Tra questi Lady, piccina e lentissima, si è aggiudicata il “premio Buonanotte” per aver sfilato con calma olimpica… Un grande applauso è andato al piccolo Tano che, dotato di carrellino in quanto immobilizzato alle zampe posteriori, ha sfilato veloce e sicuro al fianco delle volontarie dell’associazione Miagolandia, che lo accudiscono in rifugio. A lui, 12 anni di simpatia, è andato il riconoscimento del “Best in show”. Ma la sua vittoria più splendida sarà quando troverà una famiglia: Tano, infatti, cerca casa definitiva.

Leggi anche:  Si scontra con un'auto e abbatte due cartelli, arrivano i Vigili del fuoco FOTO

“Si è trattato”, spiega il portavoce di Diamoci La Zampa Edgar Meyer, “di una mostra canina insolita, senza giuria in giacca e cravatta, e senza cagnetti obbligati a sfilare con eleganza e formalità: una vera e propria allegra brigata”.

La festa, occasione di gioco e divertimento, ha dato anche l’opportunità di parlare di educazione, di abbandono, prevenzione del randagismo, iscrizione all’anagrafe canina e obbligo della microchippatura dei cani: gli unici metodi, questi ultimi, per ritrovare il proprio beniamino nel caso di smarrimento. “L’augurio è che la simpatica atmosfera dello spettacolo abbia stimolato, negli spettatori, un risveglio delle coscienze e fatto nascere un po’ di rispetto per quei cagnetti che non vantano parentele illustri o discendenze documentate, ma, al pari dei fratelli blasonati, hanno un insopprimibile istinto di fedeltà per il loro padrone”, ha concluso Meyer.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI