Design for Huntington è il titolo della mostra che sarà allestita a Brugherio nella galleria espositiva di Palazzo Ghirlanda Silva in via Italia 27.

Design for Huntington

La Còrea major, conosciuta come Huntington o Ballo di San Vito, è una patologia ereditaria degenerativa del sistema nervoso centrale che si manifesta soprattutto nei soggetti tra i 30 e i 50 anni. Altera le capacità cognitive ed è caratterizzata da movimenti involontari che danno origine appunto, al cosiddetto ballo. Negli anni però, la danza si placa fino al decesso del paziente. E’ sempre stata una patologia nascosta, che i familiari tendevano a cercare di coprire.

Design for all

Saranno esposti oggetti di vita quotidiana che possono cambiare la vita a persone con tale patologia. Maniglie, piatti, vasche da bagno e così via. “Il tema è Design for all – ha spiegato il curatore, Davide Crippa – Io dico che il vero design è questo, quello che si rivolge veramente a tutti. Il resto è lavoro fatto male”.

Gusto del bello

Tali prodotti, pensati da esperti in varie discipline spesso gratuitamente,  possono essere fruibili davvero da tutti, normodotati e non. “In più sono belli, perché la bellezza è dignità”, ha aggiunto.

La mostra

L’esposizione sarà inaugurata il 13 ottobre alle 16.30, proprio in occasione della festa patronale. Sarà visitabile fino al 4 novembre dal martedì al sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 19, la domenica dalle 15 alle 19 e il lunedì solo al mattino. L’ingresso è libero.

Leggi anche:  Vetrine non in regola raffica di multe ai commercianti

Elena Cattaneo

A favorire l’approdo in città di tale iniziativa, che ha già fatto tappa alla Triennale di Milano, a Torino e a Pavia, è stata la senatrice a vita brugherese Elena Cattaneo. Ricercatrice, è una dei massimi esperti mondiali di tale patologia. Il 19 ottobre alle 21, sempre in biblioteca, sarà la relatrice di un incontro sul tema “Huntington: la malattia, i malati, le prospettive e le azioni di cura”. Una conferenza che ricorderà anche il venticinquesimo anniversario della scoperta del gene responsabile della malattia.

Scienza ultima frontiera

Quest’ultimo appuntamento costituirà poi il trait d’union tra la mostra sull’Hungtington e un’altra iniziativa che sta per mettere in campo la biblioteca civica. Si chiama “Donne di scienza ai confini dell’ignoto”. Dal 26 ottobre al 23 novembre sei donne di scienza saranno chiamate a illustrare un argomento della proprie competenze.

Le scienziate

Interverranno Antonella Viola per l’immunologia, Elisa Palazzi per la climatologia, Silvia Ferrara per la linguistica, Ester Antonucci per la fisica solare, Marica Branchesi e Patrizia Caraveo per l’astrofisica.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.