Oggi è il Blue Monday il giorno più triste dell’anno.

La storia del Blue Monday

La data viene generalmente fatta coincidere con il terzo lunedì del mese di gennaio, ma può anche ricadere sul secondo o quarto lunedì dello stesso mese oppure durante l’ultima settimana. Come si legge in wikipedia il concetto è stato originariamente reso pubblico nel 2005 all’interno di un comunicato stampa del canale televisivo britannico Sky Travel.  Nel comunicato  si affermava di avere calcolato la data utilizzando un’equazione. L’intera idea rientra nell’ambito della pseudoscienza e l’equazione che ne è alla base viene ritenuta priva di alcun fondamento.  Ecco quindi per gli appassionati della matematica la super formul del giorno della tristezza.

Credenze, superstizioni, operazioni pubblicitarie

A molti è il concetto stesso di Blue Monday a far sorridere… e questo è già un bel modo per far passare la presunta tristezza. Persino l’ideatore della formula della tristezza pare aver fatto marcia indietro. Secondo alcuni giornali britannici infatti  Arnal ovvero lo psicologo dell’università di Cardiff che ha ideato il BM, sostiene che il “Blue Monday” non è mai stato nelle sue intenzioni. Nella sua formulazione infatti, Arnall intendeva ispirare le persone ad agire e prendere decisioni audaci sulla vita, piuttosto che enfatizzare la tristezza di un giorno senza gioia durante l’anno

I 10 consigli

Tutta una montarura quindi? Una bufala che è diventata virale? Quel che è certo è che tra campagne marketing e fake, sonocomunque molti gli  esperti che confermano le difficoltà di tornare al lavoro dopo le feste.  La master coach Marina Osnaghi ha stilato i suoi 10 consigli su come superare la tristezza. Dove? Sia  sul luogo di lavoro nel Blue Monday e in generale durante tutti i difficili lunedì dell’anno.

  1. VIETATO RIMUGINARE

Rimuginare sul rientro e sulla negatività stimola tristezza e insoddisfazione.

  1. DEDICATI DEL TEMPO
Leggi anche:  Segrate fa festa in Commenda con gli Alpini

Pratica un’attività piacevole, anche una cosa banale, fino a 30 minuti al giorno.

  1. STOP AL PRANZO DI CORSA
Leggi anche:  Malore fatale per un uomo a Caprino

Il pranzo, il caffè o il tè, goditelo seduto e comodo: ti riporterà all’atmosfera delle festività.

  1. ANALIZZA IL TUO APPORTO CON IL COACHING

Rispondi a queste domande: qual è il contributo che voglio dare col mio lavoro? Cosa tendo a realizzare nelle differenti situazioni? Come posso realizzare al meglio ciò a cui tendo?

  1. FOCALIZZA VALORI E LINEE GUIDA

Rifletti su di te e su chi ti circonda in senso positivo e costruttivo.

 

E ancora

  1. SCOPRI IL TESORO DIETRO IL MALESSERE

Dietro al malessere del lunedì potrebbe esserci un tesoro: trova il tuo valore, la buona ragione per cui ti infastidisci, ciò che persegui ed il modo in cui lo vorresti realizzato.

  1. COMINCIA A DIRE NO UNA VOLTA PER TUTTE

Apri le braccia a te stesso e smetti di voler subire. Non serve ribellarsi urlando, basta stabilire il proprio limite con tranquilla fermezza.

  1. RINUNCIA A SUBIRE SITUAZIONI CHE SI TRASCINANO DA TEMPO

Spesso sono favorite da abitudini che ti portano nei guai prima ancora che tu te ne accorga. Sono le vecchie abitudini distruttive che ci portano sempre nelle solite situazioni.

  1. SEI UN CAPO? ORGANIZZA RIUNIONI CON UN APPROCCIO COACHING

Tieni in considerazione il feedback con i collaboratori e celebra i cicli intermedi, chiedendoti cosa è stato realizzato fin qui di positivo, e come sia possibile arrivare al traguardo con rinnovata energia

10.NEL WEEKEND METTITI IN VACANZA

Anche se devi svolgere delle commissioni, cerca di staccare sul serio. Ritrovando il gusto di stare con gli amici, la famiglia, i figli, senza vivere il tuo tempo come se fosse ‘rubato’ ai tuoi doveri.