C’erano trecento persone alla Pastasciutta antifascista organizzata lunedì sera 29 luglio 2019 a Bussero dalla sezione locale dell’Anpi e dal circolo familiare “Angelo Barzago”.

Trecento persone

“Siamo veramente soddisfatti – ha affermato Valerio Marchesi, presidente del circolo – Abbiamo avuto tantissime richieste. Purtroppo a una settantina di persone che hanno chiamato lunedì abbiamo dovuto dire di no, perché non avevamo più posto”.

La prima della Martesana

“Siamo stati i primi a introdurre questa usanza in Martesana – ha proseguito – Questa è la sesta edizione. Poi sono arrivati anche gli altri e ora è un’iniziativa che si sta diffondendo anche qui”. La Pastasciutta ricorda infatti quella che i fratelli Cervi servirono in piazza alla popolazione di Campegine il 25 luglio 1943 alla notizia della caduta del fascismo.

Tanti partecipanti

Sono accorsi molti busseresi, ma anche tanti dal circondario. E c’era anche chi di Pastasciutta antifascista ne ha frequentata più d’una in pochi giorni. Settimana scorsa, ad esempio, era stata organizzata a Cassina de’ Pecchi.

Leggi anche:  Villa Castelbarco magione dell'antiquariato nazionale

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.