Una Via Crucis dipinta su un supporto non tradizionale sarà esposta a Brugherio. Non sulla carta, né su un tessuto, ma sulle coperte termiche dorate con le quali vengono avvolti i migranti salvati dal mare.

Via Crucis dipinta

L’opera, dell’artista valtellinese Fabrizio Dusi, sara presentata nella chiesa di San Carlo il 6 marzo 2019 alle 21 e rimarrà esposta per tutto il periodo della Quaresima.

Un messaggio eloquente

“Questa coperta ci rievoca la salvezza da grandi pericoli e storie di vita difficili fatte di privazioni e torture – ha spiegato il vicario parrocchiale don Pietro Guzzetti – E’ dorata come lo sono i fondali dei dipinti sacri bizantini e di epoca medioevale: da sempre l’arte ricorre al colore oro per rappresentare la divinità. Ecco che Fabrizio Dusi associando tutti questi elementi ci aiuta a meditare sul messaggio di salvezza di Gesù sulla Croce e a ricordare che accogliere chi ha bisogno significa accogliere Gesù stesso”.

Quaresima

Don Pietro ha spiegato che la Via Crucis resterà esposta come spunto di riflessione personale in un periodo spirituale forte, a testimonianza di come l’arte contemporanea sappia ancora dialogare con la fede.

Leggi anche:  Brugherio in festa per ricordare i 235 anni dal primo volo

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.