I controsoffitti crollano, studenti del Marconi in protesta. Stamattina centinaia di ragazzi della scuola superiore di Gorgonzola non sono entrati in classe.

Marconi in protesta contro il degrado

Gli studenti del Marconi di Gorgonzola stamattina si sono ritrovati davanti alla scuola superiore per protesta contro la fatiscenza e il degrado della struttura. In centinaia non sono entrati in classe per dimostrare il proprio dissenso per una situazione che inizia a essere insostenibile. Venerdì e sabato infatti sono crollate due pareti di controsoffitto in altrettante classi. Solo per miracolo nessuno è rimasto ferito.

“Il controsoffitto ci crolla in testa”

Quando i pezzi di cartongesso sono caduti a terra nessuno si trovava nelle aule. “E’ andata bene, ma se cadeva in testa a qualcuno cosa sarebbe successo? Non è possibile stare in classe con la paura che succeda qualcosa. E’ capitato due giorni di fila, un giorno a classi vuote e il successivo nell’intervallo. Ma basta alzare lo sguardo per vedere che ricapiterà, i segni delle infiltrazioni sono evidenti”, hanno spiegato i ragazzi.

“Da tempo segnaliamo la situazione”

“Segnaliamo la situazione da tempo ma nessuno è intervenuto. Ovviamente non siamo arrabbiati con la scuola, che non ha colpe, ma con Città metropolitana che ha in capo la manutenzione della struttura. Non è nemmeno possibile che da due anni l’ascensore non funziona e se solo un ragazzo si rompe la gamba è costretto a fare le scale con le stampelle, o addirittura la classe viene spostata”, hanno aggiunto.

Leggi anche:  La nuova scuola di Melzo è troppo piccola: petizione per l'ampliamento

LEGGI ANCHE: Studenti al freddo: protesta al Bellisario di Inzago FOTO E VIDEO

Il servizio completo sul numero del giornale disponibile in edicola e nella versione sfogliabile on line da sabato.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI