Ecco l’identikit delle imprese in Lombardia: aumentano quelle straniere e quelle femminili. In calo invece le imprese giovanili. Bene il turismo con dati positivi per gli alberghi e la ristorazione.

Imprese in Lombardia | Nel 2018 aumentano le straniere calano quelle giovanili

Diffusi questa mattina dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi i dati relativi all’andamento delle imprese nei primi tre mesi del 2018. Situazione stabile in Brianza dove le imprese sono 64mila, in linea con il dato dell’anno precedente. Dai dati diffusi emerge chiaramente la crescita delle aziende straniere che nei primi mesi del 2018 segna un + 3.9% toccando quota 6mila imprese. In aumento anche le donne imprenditrici (+1,6%): attualmente sono 11mila le aziende femminili. Calano, purtroppo, il numero di giovani che decidono di avviare un percorso imprenditoriale: -2,2% in Brianza, per un totale di 29mila imprese.

Milano supera invece quota 300mila imprese, +1,1% contro le 297mila del 2017. Stessa tendenza positiva per le imprese straniere, che sono attualmente 48mila (+4%) e quelle femminili che toccano quota 53mila (+1,3%). In calo le giovanili: 22mila (-2,1%).

Lodi nel primo trimestre 2018 si attesta a quota 14.527 imprese, in calo rispetto allo scorso anno di uno -0,7%.  Le imprese straniere sono quasi 2 mila (+2,2%), le femminili quasi 3 mila (+0,3%), le giovanili 1.300 circa (-4,7%).

Leggi anche:  Burger King seleziona addetti alla ristorazione a Cassina, come candidarsi

Settori in crescita

Per quanto riguarda i settori in crescita la Camera di Commercio mette in evidenza le buone performance per i servizi finanziari (4 mila, +9%), le attività direzionali e manageriali (11 mila, +7,4%), il settore software e informatica (7 mila imprese, + 5%). Cresce anche la ristorazione (11 mila, +4,7%), i servizi per gli uffici (8 mila, + 4%) e le attività di servizio per edifici e paesaggio (circa 9 mila, +3,8%). Buono l’andamento per l’industria alimentare (2.224, +3%), l’alloggio (1.448, +2%),le  attività professionali (7.600, +2%) e infine, il settore delle costruzioni (38 mila, +0,9%).