Quello prodotto e regalato alla scuola come premio di una lotteria a scopo benefico è un uovo di Pasqua di dieci chilogrammi. L’idea per sostenere le necessità dell’istituto è venuta a Barbara Bettera.

Maxi uovo di Pasqua

Uovo di PasquaE’ stata una festa quella di lunedì, nel cortile della scuola elementare, un prologo alla Pasqua che i ragazzi non scorderanno facilmente.
«Davanti a quasi 400 alunni trepidanti, abbiamo fatto l’estrazione dei biglietti – ha spiegato la titolare de “Il Gelato di Barbara”- A vincerlo è stato Andrea Moschetti, che ha deciso di lasciarlo proprio all’istituto per condividerlo con tutti gli altri bambini».

Ricavato della lotteria alla scuola

«L’uovo di Pasqua è servito per promuovere la raccolta fondi a favore dellaUovo di Pasqua scuola – ha spiegato – con il ricavato, infatti, il comitato genitori si occuperà dell’acquisto del materiale di cui necessita per lo svolgimento delle attività didattiche. Ho trovato un’ottima collaborazione con le mamme e ringrazio tutti. Il gesto di Andrea è un esempio da seguire, perché con la generosità possiamo “scatenare un mondo migliore”».

Leggi anche:  Dazi Trump: l'impatto sulle aziende lombarde

«Scatenare un mondo migliore»

«È proprio ispirandomi a questa filosofia fatta propria da un collega che lavora a Utrecht, in Olanda, Roberto Coletti, che è nata questa iniziativa – ha concluso Bettera – Lui ha fatto di questo motto la sua filosofia di vita, promuovendo attività positive, sia direttamente sia cercando di “contagiare” quante più persone possibili. Io quindi ho cercato, nel mio piccolo, di promuovere un’iniziativa che potesse migliorare il nostro paese. Non poteva quindi concludersi in maniera migliore
Quando, come si dice, l’unione fa la forza. E, in questo caso, anche la possibilità di farsi una scorpacciata di finissimo cioccolato extra fondente».