Elezioni a Segrate, pronti a fare le pulci alla Giunta Micheli.

Elezioni a Segrate, Alessandrini non ci sarà

L’ex sindaco Adriano Alessandrini si chiama fuori. Non si candiderà alla prossima tornata elettorale del 2020. La sua è una scelta, indipendentemente dall’interdizione ai pubblici uffici dovuta alla condanna per le cosiddette “spese pazze”. “Non è quel provvedimento che mi preclude la possibilità di ricandidarmi, è la mia intelligenza che lo fa perché non ne ho più voglia – ha detto – Io sono sereno e, se questa è l’Italia (riferendosi al processo, ndr), altro motivo per non volermi ricandidare”.

Pulci alla Giunta Micheli

Anche se non sarà candidato Alessandrini e il suo gruppo sono pronti a fare le pulci alla Giunta guidata da Paolo Micheli. “Mi piacerebbe andassero a richiedere indietro all’attuale Amministrazione i 150mila euro all’anno che il sindaco spende per la gestione dei social network e per il suo portavoce – ha sottolineato – Oppure i 50mila che spende per il suo giornalino. Quel che è certo è che faremo scientificamente le pulci a questa Giunta, su qualsiasi cosa stia facendo e farà, nell’anno che manca. Ci sono tantissime persone scontente dell’operato di questi incapaci”.

Leggi anche:  Centri per l'impiego, Pizzul: "Regione in ritardo"

LEGGI ANCHE

Condannati Adriano Alessandrini e Paola Malcangio

Spese pazze, udienza per peculato per l’ex sindaco

Condannato l’ex sindaco di Segrate Alessandrini

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.