Elezioni, ufficiale l’ingresso in Senato dell’ex sindaco di Cernusco Eugenio Comincini. “Unica nota positiva in mezzo allo sconquasso”.

Elezioni, ufficiale Eugenio Comincini in Senato

Dopo le elezioni è ufficiale l’ingresso in Senato dell’ex sindaco di Cernusco Eugenio Comincini. La conferma è arrivata dal candidato al Senato nella circoscrizione Lombardia 2. “Tra i banchi della XVIII legislatura ci sarò anche io, a Palazzo Madama! In mezzo allo sconquasso elettorale la notizia della mia elezione è una nota positiva”, ha rimarcato.

“E’ un grandissimo onore per me e per la mia città”

“Per me, per la mia città, per la mia famiglia, è un grandissimo onore essere chiamato a rappresentare la nazione in Parlamento – ha sottolineato -. Metterò tutto il mio impegno per una opposizione ferma e chiara (mai un governo con gli estremisti!), per ricostruire le relazioni con quegli elettori che ci hanno voltato le spalle, per rappresentare in Parlamento gli interessi del mio territorio e di Milano”.

Leggi anche:  A Cassina Forza Italia verso il ribaltone

Primo parlamentare cernuschese di centrosinistra

“Già altri cernuschesi sono stati chiamati ad alti uffici in Parlamento, ma sono stati tutti esponenti di centrodestra; risulto per la mia città il primo parlamentare di centrosinistra dalla nascita della Repubblica. Un onore ed una responsabilità in più. Degli eletti milanesi sono il solo a non risiedere a Milano città (Simona Malpezzi formalmente risulta eletta a Bergamo-Brescia). Anche questo aspetto mi carica di responsabilità, verso amministratori locali, iscritti e cittadini. Ci sarò, per tutti”.

Cernusco rimane un feudo del Pd

“In questo scenario apocalittico, con risultati profondamente diversi tra nord e sud, emerge con evidenza che il PD tiene in Lombardia e a Milano più che altrove – ha detto – Nella mia città, Cernusco sul Naviglio, il PD si conferma primo partito con il 27%, davanti a M5S al 22% e Lega al 20,8%. Un ottimo risultato, in uno scenario di grande desolazione e sconforto”.