Lo sfidante del centrosinistra è pronto a ufficializzare la sua candidatura per le elezioni regionali Lombardia. Sabato Giorgio Gori  si presenterà ufficialmente al popolo degli elettori.

Elezioni regionali Lombardia, Gori ci prova

Parte ufficialmente sabato, con inizio alle ore 14,30, all’Auditorium Laverdi, in largo Mahler a Milano, la sfida elettorale di Giorgio Gori. Il sindaco di Bergamo, come è noto, ha deciso di scendere in campo per conquistare la poltrona più importante di Regione Lombardia. Sarà un pomeriggio di incontro, di presentazione, di ascolto e di proposta. Ma servirà anche a chiarire da chi sarà composta la coalizione. Scontato l’appoggio convinto di Pd, Campo progressista, Italia dei Valori e Verdi, rimane ancora aperta la posizione di Mpd. Bersaniani e dalemiani sono più propensi a correre da soli vista la coincidenza delle elezioni regionali con quelle nazionali.

Candidati dalla Martesana

In attesa della presentazione del candidato, il centrosinistra di Adda e Martesana si interroga su chi saranno i politici della zona che potrebbero giocarsi le loro carte per entrare in Consiglio regionale. Due i nomi che, al momento, sembrano essere avanti a tutti.  Su tutti Eugenio Comincini, ex sindaco di Cernusco, che si mormora possa addirittura ambire al ruolo di assessore regionale in caso di vittoria di Gori. Da Liscate, invece, arriva Alberto Fulgione, segretario di zona, che potrebbe essere il nome giusto per il Partito democratico. Tra le riconferme ci potrebbe essere invece Fabio Pizzul di Carugate, anche se non è da escludersi che possa ambire a un posto in Parlamento.