Il sindaco Angelo Rocchi sarà ai nastri di partenza di Cologno Monzese alle elezioni della primavera 2020. Ha annunciato infatti la sua volontà di candidarsi per un secondo mandato.

Angelo Rocchi

Classe ’63, leghista della prima ora, è riuscito là dove non ce l’aveva fatta Antonio Velluto nel 2009. Questi era stato eletto con una coalizione di centrodestra, ma aveva abbandonato il timone a causa degli ingestibili dissidi interni. Rocchi invece è riuscito a rimanere.

Un “rodeo”

Ma l’avventura non è stata tutta in discesa. Anzi, in Consiglio comunale sembra piuttosto essere stata un rodeo dove per rimanere in sella sono servite abilità e peripezie. Basti pensare che della quadra originaria di assessori sono rimasti solamente Dania Perego, anch’essa leghista, Giuseppe Di Bari (lista civica Cologno nel cuore) e Gianfranca Tesauro (Fratelli d’Italia).

Continui cambiamenti

Oppure è sufficiente riflettere sul fatto che sono cambiati quattro vicesindaci in altrettanti anni (l’ultima è proprio Tesauro). O che tra cambiamenti di casacche e atteggiamento verso la maggioranza sono pochi i consiglieri della coalizione rimasti nella stessa situazione in cui erano stati eletti.

Leggi anche:  Lega: domani il raduno di Pontida, scritte contro Salvini a Brescia

Maggioranza risicata

Tra le varie vicissitudini va ricordata anche la frattura con Forza Italia. Un contrasto che fa sì che da diverso tempo Rocchi si sostenga in Consiglio su una maggioranza di un solo consigliere.

Verso le elezioni

La nuova coalizione sarà composta da due partiti, Lega e Fratelli d’Italia, e tre liste civiche, Cologno nel cuore, San Maurizio al Lambro in Comune e una a sostegno del sindaco. Ma potrebbero esserci anche altre adesioni al “club”.

Nella Gazzetta della Martesana

Tutti i dettagli nell’edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell’edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 31 agosto 2019.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.