Il sindaco di Canonica Gianmaria Cerea scatena una mail bombing contro la Città Metropolitana di Milano: «Realizzate la Variante di Vaprio».

Mail bombing da due settimane

E’ stanco di aspettare il primo cittadino, e lo sono anche le migliaia di automobilisti che ogni giorno perdono ore fermi al semaforo della strettoia di Vaprio. Appena dopo il ponte sull’Adda. Una vicenda che si trascina da 16 anni, e che ora ha trovato un nuovo stop. Quale? Il funzionario della Città Metropolitana, l’ex Provincia di Milano che ha in carico l’appalto, è andato in pensione. Avrebbe dovuto convocare la conferenza dei servizi per l’approvazione del progetto finale dell’opera, quindi il via per questa primavera è saltato. E così Cerea ha deciso di bombardare l’ufficio preposto con una lettera che spedisce ogni giorno, da due settimane. Continuerà finché non otterrà la riposta sperata.

«Realizzate la Variante di Vaprio»

«Egregio ingegner Gatta, mi rivolgo a lei per tentare di risolvere una questione che dura dall’approvazione del Documento preliminare di intesa sull’attraversamento viabilistico dell’Adda – si legge nella mail – Era l’aprile 2002. Riguarda la Variantina di Vaprio, lungo la Provinciale 525 del Brembo. Per arrivare all’approvazione, che prevedeva la realizzazione delle opere concordate entro quattro anni, io insieme agli altri sindaci dell’epoca avevo indetto una serie di incontri. In Regione, in provincia di Bergamo e Milano, in Prefettura di Milano e via discorrendo».

Un’attesa infinita

«Durante il mio primo mandato (1999-2004) avevo conosciuto alcuni funzionari e dirigenti della provincia di Milano – si prosegue – qualcuno ha fatto in tempo ad andare in pensione. Nel mentre l’ente si è trasformato in Città metropolitana, si sono avvicendati tre presidenti e due sindaci… Ma la Variantina di Vaprio non è ancora stata realizzata». I lavori sono stati consegnati ufficialmente in data 30 settembre 2015, e Cerea recentemente ha sollecitato due diversi incontri in Regione, uno il 28 luglio 2017 e un altro il 16 gennaio 2018. «L’ingegnere Abbo si era detto sicuro di convocare l’ultima conferenza di servizi per le richieste avanzate dalla Soprintendenza e dal “Parco Adda Nord” entro la fine di febbraio 2018 – si continua – ed iniziare i lavori entro la primavera. Spero di non dover aspettare altri 15 anni e un mio terzo mandato, del quale farò volentieri a meno, e dover era ancora fermare che la Variantina di Vaprio non è stata realizzata».

Leggi anche:  Profughi, nuovi arrivi in Martesana: progetto da mezzo milione

Uno stop che crea un doppio danno

Questo nuovo inghippo blocca anche la sperimentazione del capolinea a Canonica per i bus diretti a Gessate.

«Abbiamo messo a Bilancio dei fondi ma le cose vanno per le lunghe perché la società di trasporto sostiene che, a causa della strettoia, i mezzi perdono tempo e quindi carburante – ha spiegato Cerea – Nel 2018 esistono però congegni che consentono di far scattare il verde al passaggio dei pullman, ma per ora non se ne parla. Certo è che se la Variantina si realizzasse prenderemmo due piccioni con una fava».