Scambio di auguri in Consiglio comunale con un siparietto al veleno. Martedì  a Cologno Monzese si è tenuta la seduta sul bilancio di previsione e non potevano mancare le scintille.

Scambio di auguri

A metà dei lavori il presidente del Consiglio comunale, Fabio Della Vella, ha chiamato una piccola pausa per consentire di mangiare una fetta di panettone e fare un brindisi. Un momento di riconciliazione arrivato a fagiolo per quanto accaduto poco prima.

Siparietto

A scatenare l’improvvisa e furibonda reazione del sindaco, Angelo Rocchi, sono state le reiterate critiche di Salvatore Capodici, liste civiche, ai punti portati dalla maggioranza. “Ma lo sa che delle sue quisquilie non interessa nulla a nessuno?”, ha sbottato.

Infuriato per le benemerenze

All’irritazione di quel momento si è aggiunta anche quella per la cerimonia di sabato: Capodici infatti, aveva partecipato alla commissione esaminatrice dei candidati alla benemerenza civica ed è tra coloro che hanno dato voto contrario a tutti i nomi proposti. Nessun benemerito dunque per il 2018. Rocchi si era infuriato e per non far saltare la premiazione, aveva scelto di ripiegare su un “Ringraziamento civico”.

Leggi anche:  Il taglio degli alberi dà il la alla campagna elettorale a Cologno Monzese

Pomeriggio di premiazioni a Cologno, tra benemeriti e presepisti

Cerimonia

Alla cerimonia che si è tenuta in sala consiliare ha partecipato anche lo stesso Capodici, in qualità di consigliere. “Non si vergogna, dopo quello che ha fatto? – lo ha attaccato Rocchi a microfono acceso – E’ persino venuto a fare le foto mettendosi dietro. Si vergogni!”. E’ poi volato anche un epiteto. E a chi cercava di calmarlo ha risposto: “E basta: mi sono rotto i c….”.  “Mi riservo tutte le azioni del caso”, ha replicato il destinatario.

Spumante

Poco dopo tutti in sala Giunta a festeggiare il Natale durante la pausa lavori. “A Capodici non servo lo spumante”, ha detto Rocchi scherzando. Ma intanto gli animi erano più distesi.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.