E’ andata in scena ieri sera la prima fase del Consiglio comunale di Gorgonzola che porterà all’approvazione della Variante Pgt promossa dall’Amministrazione di Angelo Stucchi. Si tratta dell’ultimo, grande provvedimento prima della conclusione del mandato. E a farla da protagonista è stato Walter Baldi.

Variante Pgt Baldi scatenato

Una seduta fiume quella di ieri sera, partita alle 18 e conclusasi poco dopo la mezzanotte e mezza. Da una parte i tecnici che illustravano le osservazioni alla Variante del Piano di Governo proposte da enti, privati e forze politiche. Dall’altro Baldi che non ha perso occasione per intervenire su  (quasi) ogni punto in discussione. Sulle 62 osservazioni in cui il consigliere di Progetto Gorgonzola, e futuro candidato sindaco, è stato presente, solo in otto casi ha scelto di tenere il microfono spento.

Datemi un minuto…

Che la serata sarebbe stata complessa lo si è capito sin dalle prime battute. Il presidente del Consiglio Osvaldo Vallese, infatti, ha presentato al Parlamentino le modalità di discussione delle osservazioni al Pgt. Un solo minuto di intervento su ogni singolo punto, 50 minuti complessivi per ogni capogruppo per la discussione finale. Una scelta che non è piaciuta a Baldi, che voleva maggior tempo per sviscerare le osservazioni presentate. “In questa maniera limitate la mia libertà di espressione come consigliere comunale –  ha spiegato – Avete paura di non riuscire ad approvare la Variante Pgt entro la mezzanotte di martedì e per questo state cercando di impedire i nostri interventi”.

Leggi anche:  Salvini a Pontida: “Genova non resterà una strage impunita” VIDEO

Meno residenze più verde e puntare sul lavoro

L’altra protagonista indiscussa è stata l’assessore all’Urbanistica Serena Righini che, punto per punto, ha risposto alle domande e alle critiche di Baldi e degli altri consiglieri. “La visione della nostra Variante al Pgt è chiara ed esplicita – ha spiegato in apertura di punto – Abbiamo corretto le previsioni demografiche del Pgt 2011 che non erano veritiere. Abbiamo scelto di restituire oltre 100 ettari  di verde alla comunità creando due Parchi locali di interesse sovracomunale. Infine abbiamo cercato di favorire il lavoro puntando su una dimensione agro-alimentare della nostra città”.

Oggi tocca alla parte seconda

Oggi alle 18 si replica. E si comincia subito con il “botto”. Lette e analizzate tutte le osservazioni, infatti, oggi pomeriggio sarà la volta della discussione complessiva e, viste le premesse di ieri, i lavori potrebbero continuare sino a notte inoltrata.