Pioltello stavolta non sbaglia. Nella decisiva “bella” della serie di semifinale, dopo due partite equilibrate, i ragazzi di coach Pastorelli sono riusciti a contenere la qualità di Codogno, conquistando il successo per 82-73 che ha permesso di strappare l’ultimo pass per la finale. Nella sfida che deciderà il passaggio in Promozione, sarà derby con l’Acquamarina Segrate.

Pioltello stavolta non sbaglia

Gara 3, si sa, è sempre un vortice di emozioni. Al PalaPioltello ieri sera, lunedì, di emozioni se ne sono vissute tante. Rimonte, sorpassi, crisi di nervi, giocate individuali, spirito di squadra: tutto questo ha appassionato il pubblico e reso una piccola partita di provincia un evento sportivo speciale. Ma partiamo dal principio, perché già dai primi possessi si è capito che sarebbe stata una gara diversa dalle precedenti. Le squadre sono state meno nervose, e questo ha favorito il gioco. Pioltello, con l’inerzia della vittoria in gara 2, si è mossa con più sicurezza costruendosi un piccolo vantaggio con Tinor, Gadda e Leporini, ma Codogno non ha permesso la fuga. Dal secondo periodo, però, Codogno ha fatto valere le sue qualità. Sfruttando le occasioni sprecate da Pioltello al tiro dall’arco, gli ospiti sono riusciti a mettere la testa avanti e ad allungare, segnando con qualità dal pitturato. Ganelli ha mostrato la sua abilità nel traffico sotto canestro, mentre Grassi ha conquistato tanti falli impattando a più riprese contro la difesa pioltellese. Insieme, le due punti lodigiane hanno tenuto Codogno in vantaggio fino al 29-33 della pausa lunga.

Rimonta decisiva

Pioltello ha sfruttato l’intervallo per registrare il proprio attacco, trovando la tattica giusta per accorciare le distanze. Con meno tiri e più penetrazioni, Tinor, Gadda e Tremolada hanno riportato Pioltello a contatto, ma dall’altra parte del campo è stato ancora Ganelli a tenere Codogno in leggero vantaggio grazie a un altro mini-parziale personale da 6 punti nel pitturato. Baroni e compagni hanno ripreso a cercare la marcatura da tre punti, ma senza riuscire a trovare tiri puliti. Il risultato è un lungo stallo, punto a punto, e solo al 27’ Tinor ha trovato (finalmente) la bomba che ha riportato Pioltello in vantaggio. Nel finale di tempo, Leporini e Baroni hanno costruito per i padroni di casa un piccolo vantaggio di quattro punti, letteralmente esploso nei primi possessi dell’ultima frazione. Nei primi tre minuti, Pioltello ha infilato due triple e un canestro dalla media con Papetta e Leporini che hanno portato il vantaggio dei ragazzi di Pastorelli in doppia cifra (+10, 61-51 al 33’). Coach Traversa ha inserito tutti i suoi giocatori più pericolosi nel tentativo del recupero e i suoi ragazzi hanno ripagato la fiducia. Corvi, Ganelli, Vezzosi e Grassi hanno ricucito lo svantaggio in tre minuti riportandosi a -1, ma dopo questa bella rimonta, le eccessive proteste della panchina hanno vanificato ogni sforzo. Coach Traversa si è fatto fischiare un tecnico per eccessive proteste dopo un fallo d’infrazione e Pioltello ha potuto allungare di nuovo con il libero di Tinor e il gioco da tre punti di Leporini. I padroni di casa hanno chiuso definitivamente la partita, gestendo con sicurezza i minuti finali grazie alle buone giocate da sotto di Leporini e Gadda e i liberi conquistati da Tinor e Baroni sul fallo sistematico dei lodigiani. In finale sarà derby con l’Acquamarina Segrate, che nella sua serie ha battuto per 2 a 0 Melegnano.

Il post-gara

Tanta soddisfazione nel dopo partita sulla panchina di Pioltello. “E’ stata una partita difficile, intensa e fisica – ha spiegato l’assistente allenatore Gino Tirnor – Siamo riusciti a disputare un buon primo quarto senza permettere a Codogno di andare in fuga. Ci sono state fasi di punto a punto dove siamo stati bravi nella gestione delle situazioni e poi bisogna dare merito a loro per essere riusciti a riprenderci quando siamo scappati a +10 nell’ultimo quarto quando siamo riusciti a infilare le bombe necessarie per portare a casa la vittoria. Siamo dove volevamo essere e contro Acquamarina non sarà facile. Loro sono i favoriti, nella regular season ci hanno battuti due volte, ma noi vogliamo giocarcela fino in fondo”.

Leggi anche:  Ragazze in campo per la 24 ore di calcio a Carugate FOTO

Il tabellino