Trecella fa suo il derby contro Inzago. Nella sesta giornata del campionato di Promozione, la squadra di coach Moriggi ha espresso maggiore intensità per tutto l’arco della gara conquistando la vittoria per 51-55. Per i Trichechi, inutili i tre colpi di reni negli ultimi minuti dei primi tre quarti.

Trecella fa suo il derby contro Inzago

Intensità, aggressività, agonismo. Un derby, che per eccellenza è una sfida di testa e nervi, si vince soprattutto con queste tre chiavi. E Trecella le ha custodite con lucidità per tutti i 40’, conquistando alla fine una vittoria importante, che fa bene alla classifica e al morale. Già in avvio, la giusta tensione mentale dell’Acli è apparsa evidente. Grazie a una migliore presenza a rimbalzo e al cambio di passo in transizione, i ragazzi di Moriggi hanno allungato grazie al break di Colombo, che con 7 punti personali ha spinto Trecella a +5. Inzago ha risposto con pazienza, trovando il contro-sorpasso a metà tempo grazie a Raimondi, Brusamolino e Gorla, ma l’Acli ha ridotto lo svantaggio nel finale grazie ai recuperi di Cerea e Invernizzi. Trecella è ripartita con il piglio giusto, e con un parziale di 11-1 nei primi minuti del secondo quarto ha ribaltato nuovamente le sorti della sfida. Castellani ha aperto il parziale con un tiro in sospensione, Frencini ha scosso la retina dall’arco, mentre Cecchini è andato a segno due volte in penetrazione. Un fuoco di paglia, però, perché Inzago, dopo aver lasciato nel pitturato 6 punti facili in appoggio da sotto canestro, è ritornata in pista accorciando progressivamente lo svantaggio con Balconi, fino a trovare il nuovo sorpasso grazie ai 4 punti di Longoni.

L’affondo e la replica decisiva

Dopo le energie spese nei primi due quarti, le squadre hanno scalato una marcia in avvio di ripresa. Acli e Trichechi hanno cercato la manovra prolungata per liberare i tiri dall’arco, ma c’è sempre stato un ferro a dire no ai tiratori. Il magro 2-5 dei primi 5’ di gioco ha però permesso a Trecella di tornare avanti di una lunghezza grazie alla tripla firmata da Caterina. Il vantaggio, però, è nuovamente sfumato. Inzago ha rotto significativamente gli indugi e negli ultimi possessi del terzo quarto ha dato lo strappo che avrebbe potuto risolvere la partita. Acquati ha riportato avanti Inzago nel pitturato, mentre Balconi ha messo le basi per l’allungo firmato dalla tripla di Brambilla che ha portato i Trichechi all’ultimo riposo sul 43-35. E’ stato a questo punto, però, che sono risultate decisive le chiavi custodite da Trecella. Una dopo l’altra, intensità, aggressività e agonismo hanno aperto i lucchetti della difesa inzaghese, lanciando l’Acli verso la rimonta. Caterina e Invernizzi hanno costruito il 5-0 della riscossa. Poi, il giovane Cecchini si è preso la scena. Con 9 punti personali, l’ala ha portato Trecella a +3. Inzago ha sofferto in fase offensiva la pressione costante di Trecella e, nei minuti decisivi, ha pagato tante palle perse. Emblematica la rimessa sprecata in attacco che ha lanciato Cerea in contropiede per il canestro del +6, dilatato a +9 al 39’ da Colombo. Inutile l’estremo tentativo di rientro dei Trichechi, anche se negli ultimi secondi i padroni di casa hanno costretto Trecella a tenere alta la guardia.

Leggi anche:  Basket Promozione - Inzago comincia con una sconfitta

Dopo una partita così, entrambe le squadre non possono che uscire a testa alta. Inzago avrà sicuramente qualche rimpianto in più per non essere riuscita a concretizzare in una vittoria i tre colpi di reni alla fine dei primi tre quarti di gioco. Trecella si può godere un derby felice, consapevole che con queste tre chiavi in mano potrà dare battaglia ad ogni latitudine della classifica.

ULTERIORI APPROFONDIMENTI SULLA PARTITA SARANNO DISPONIBILI NELL’EDIZIONE DELLA GAZZETTA DELL’ADDA IN EDICOLA E IN VERSIONE DIGITALE DA SABATO 9 NOVEMBRE

I migliori della serata

Il tabellino