Selargius corsara, sgambetto a Carugate sconfitta 80-73 nella sfida salvezza nel Campionato di serie A2 femminile. Così Selargius sale a 6 punti con la seconda vittoria in trasferta. Carugate, che non vince in casa dalla prima giornata, contro Cagliari, rimane ferma a quota 4.

I singoli hanno fatto la differenza

Una prestazione monstre di Cinzia Arioli, autrice di 31 punti, ha trascinato la San Salvatore Basket Selargius a una sorprendente vittoria a Carugate. E’ una diretta concorrente per la salvezza. Il playmaker della squadra sarda ha giocato letteralmente per due. E’ riuscita a non far sentire alla squadra isolana l’uscita prematura dal campo di Mia Mašić. Si è infatti infortunata dopo 4′ per un brutta botta  al ginocchio.  Dall’altra parte, invece, le padrone di casa  non hanno potuto schierare il nuovo acquisto Antonella Contestabile per un piccolo problema al polpaccio. Hanno pagato così una difesa poco efficace (massimo stagionale in attacco per Selargius) e un ultimo quarto limitato dal punto di vista offensivo dalla difesa a zona avversaria.

Il primo tempo

Primi dieci minuti di gioco all’insegna dell’equilibrio, il parziale è 18-17 con Laura Želnytė particolarmente ispirata (finirà con 18 punti e 9 rimbalzi). A metà del secondo quarto Carosello raggiunge il massimo vantaggio: 29-23, protagoniste sempre la lituana e Laura Rossi, per lei 16 a referto con due triple e 5 rimbalzi. Ma un parziale 8-17 firmato Arioli-Cordola riporta Selargius in partita e si va a riposo sul 39-40 a favore delle ospiti. Con un canestro sulla sirena realizzato da Francesca Diotti, per lei doppia cifra finale con 12 punti e 4 assist.

La ripresa

Inizio di ripresa shock per le lombarde: nuovo parziale 0-7 e San Salvatore prende il largo: +8. Il time out chiesto da Andrea Piccinelli restituisce energia e lucidità alle sue ragazze, brave a chiudere il controparziale 10-2 firmato Rossi-Gombac-Albano-Zelnyte. Di nuovo parità, a meno di 5′ dalla fine del terzo quarto. Due triple di fila, una di Ludovica Rossini, costretta poco dopo a uscire per un brutto colpo alla testa fortuito subito da Valentina Fabbri (12+17), l’altra di Rossi danno l’illusone del sorpasso, 55-53 per Centro Carosello di Carugate. Da quel momento però la squadra di casa non segna più fino alla sirena, mentre Selargius realizza 6 punti di fila chiudendo il periodo sul 55-59.

Leggi anche:  Basket Serie D - Il CM Cassina torna alla vittoria superando Novate

Il crollo di Carugate negli ultimi minuti

Nell’ultimo quarto la squadra sarda si chiude bene in difesa con la zona, mettendo in seria difficoltà le padrone di casa. Si gioca punto a punto fino al +1 Carugate firmato Zelnyte a 5′ dalla fine ma è la tripla di Francesca Mura a ribaltare per l’ultima volta il risultato. Da qui, Gombac e compagne non riusciranno più a pareggiare. Capitan Lussu segna 6 punti di fila, nell’ultimo giro di orologio Carugate cerca il fallo sistematico, ma serve solo ad arricchire il tabellino di Arioli dalla lunetta. Come detto, chiuderà con 31 punti, 20 in più rispetto alla sua media in campionato.

Il dopo partita

“Dovevamo vincere questa sfida, era alla nostra portata ma non siamo riuscite a metterci la giusta energia” ha detto a fine gara Laura Rossi. Per lei un massimo stagionale i suoi 16 punti. Mentre Laura Zelnyte, che in serie A2 viaggia a 10 punti e 11 rimbalzi di media, ammette che Cinzia Arioli ha spaccato la partita. “Avremmo dovuto difendere più di squadra su di lei. E’ vero, la zona è stata per noi un problema nell’ultimo quarto ma sono state tante le difficoltà oggi”. Infine, un po’ di paura per Ludovica Rossini, rimasta a terra per diversi minuti dopo il colpo fortuito subito da Fabbri: “Ho provato ad aiutare in difesa su di lei, purtroppo ho sentito l’impatto tra il suo gomito e la mia testa, avevo capito che mi stava spuntando un bel bernoccolo ma francamente non immaginavo che ci fosse stato anche un taglio. Sono rimasta a terra per un po’ ma solo per precauzione”.

Il tabellino di Carosello Carugate

Zucchetti, Rossini 5, Diotti 12, Pontillo ne, Cerizza, Rossi 16, Zelnyte 18, Mariani ne, Albano 13, Zolfanelli 2, Gombac 7. All. Piccinelli.