Si chiude con una sconfitta il 2017 dell’Erminio Giana, sconfitta per 4-2 ad Arezzo

Calcio Serie C: Arezzo-Giana 4-2

L’ultima gara del 2017 calcistico, valevole per la 21a giornata di campionato, 2a di ritorno, chiude l’anno con la debacle biancazzurra allo stadio Città di Arezzo, dove Moscardelli e compagni reagiscono con un imperioso scatto d’orgoglio alle problematiche societarie che hanno agitato il club amaranto nell’ultima settimana.

La partita

Il resoconto della partita da www.asgiana.com

Primo tempo 2-0, micidiale avvio amaranto

Arezzo guidato oggi in panchina da mister Elvis Abbruscato, vice di Pavanel, che sconta la seconda di due giornata di squalifica. Dopo un iniziale tentativo d’incursione da parte della Giana, Corradi aggancia un traversone dalle retrovie e da centrocampo si invola sulla fascia sinistra, crossando per Cutolo sul secondo palo, che da distanza ravvicinata batte Taliento e porta in vantaggio i padroni di casa. Avvio sconvolgente da parte dell’Arezzo, che al 5’ raddoppia con capitan Moscardelli, il quale approfitta di un passaggio perfetto di Corradi e si presenta davanti a Taliento, che tenta un’uscita disperata, ma il bomber amaranto non perdona. All’8’ si fa vedere la Giana, con Chiarello che scende sulla sinistra e crossa al centro per l’accorrente Iovine, che prova la conclusione dal limite ma la palla termina di poco alta sopra la traversa. La Giana accusa il colpo e fatica ad organizzarsi, mentre l’Arezzo gestisce bene il pallone e al 24’ guadagna il primo corner della gara, ma commette fallo in attacco e l’occasione si conclude con un nulla di fatto. Al 28’ l’angolo è per la Giana, con Chiarello dalla bandierina, ma la difesa amaranto riesce a chiudere tutti gli spazi. Al 31’ bella azione dell’Arezzo, con Sabatino che serve Moscardelli al limite, il quale al volo prova la girata, ma calcia altissimo. Al 38’ tentativo di Perna, che da fuori area prova la conclusione a scendere, chiamando Ferrari in distensione, ma la palla è alta.

Secondo tempo 4-2, pareggio di Perna, ma l’Arezzo dilaga

Nessun cambio al rientro dagli spogliatoi per le due formazioni in campo per l’inizio della ripresa. Al 3’ dopo un paio di incursioni dell’Arezzo, sul ribaltamento di fronte Chiarello all’improvviso aggancia un pallone poco fuori il limite dell’area, si gira e calcia di potenza sul secondo palo, ma la palla esce di poco. Al 5’ angolo per la Giana, Chiarello dalla bandierina calcia in area per lo stacco imperioso di testa di Perico, che chiama Ferrari al miracolo con una mano, ma la palla rimane in area e ci arriva Perna, che fredda l’estremo difensore dell’Arezzo e accorcia le distanze. Al 9’ cambio sia per i padroni di casa che per gli ospiti: esce D’Ursi ed entra Varga, mentre per la Giana fuori Degeri e dentro Pinardi. All’11’ raddoppio di Perna, che conclude in rete una splendida rovesciata di Bruno e trova così il pareggio e la doppietta personale, portandosi in doppia cifra per la prima volta nella sua carriera tra i professionisti. L’Arezzo alza ora il pressing e al 21’ guadagna un corner, che Rinaldi di testa manda all’angolino, trovando nuovamente il vantaggio amaranto. Al 25’ un altro cambio per la Giana: fuori il difensore Concina, dentro l’attaccante Okyere. Al 26’ occasionissima per l’Arezzo con Corradi, che solo davanti a Taliento calcia la palla sopra la traversa. Al 29’ Taliento manda in angolo un insidioso diagonale di Cutolo e sugli sviluppi del corner è Foglia a provare una conclusione dalla distanza, che termina alta. Subito dopo ci prova Moscardelli, con un tiro che viene provvidenzialmente deviato in angolo da Taliento. Doppio cambio per l’Arezzo al 33’: fuori Corradi per Benucci e Cutolo per Talarico. Al 36’ doppi cambio anche per la Giana, con Capano e Sosio che rilevano Iovine e Chiarello. Al 39’ arriva però il quarto gol dell’Arezzo con il neo entrato Benucci, che raccoglie il lancio dalla trequarti di Moscardelli e a tu per tu con Taliento insacca il suo primo gol tra i professionisti. Al 41’ fuori Moscardelli per Di Nardo. Negli ultimi minuti la Giana si lancia completamente in avanti, a tentare il tutto per tutto, ma l’Arezzo chiude bene ogni spazio e porta a casa l’intera posta in palio.

Leggi anche:  Atletica Cernusco sul tetto del mondo con Gjetja

AREZZO-GIANA ERMINIO 4-2

Arezzo (4-4-2): Ferrari, Rinaldi, Sabatino, Corradi (Benucci 33’ st), Foglia, Moscardelli (Di Nardo 41’ st), Cutolo (Talarico 33’ st), Muscat, Luciani, D’Ursi (Varga 9’ st), De Feudis. A disp: Borra, Talarico, Varga, Cellini, Ferrario, Ravanelli, Di Nardo, Benucci, Fraschetti, Sussi, Leonessi, Zaccaro. Allenatore: Elvis Abbruscato

Giana Erminio (4-4-1-1): Taliento, Perico, Bonalumi, Montesano, Concina (Okyere 25’ st), Chiarello (Sosio 36’ st), Marotta, Degeri (Pinardi 9’ st), Iovine (Capano 36’ st), Bruno, Perna. A disp: Sanchez, Sosio, Rocchi, Sala, Seck, Pinardi, Capano, Greselin, Okyere. Allenatore: Cesare Albè

Direttore di gara: Daniele Viotti di Tivoli. Assistenti: Claudio Barone di Roma 1 e Francesco Rizzotto di Roma 2

Marcatori: Cutolo 2’ pt, Moscardelli 5’ pt, Perna 5’ e 11’ st, Rinaldi 21’ st, Benucci 39’ st

Recupero: 1’ pt, 4’ st

Angoli: 5-5

Ammoniti: De Feudis 20’ pt, Bonalumi 24’ st, Montesano 34’ st, Marotta 35’ st